Anche se il tuo cartone animato preferito è la Carica dei 101, non credo ti faccia piacere avere una parete tappezzata di macchie nere causate dall’umidità, una preoccupazione non semplice da gestire, brutta da vedere e pericolosa per la salute.

Per risolvere il problema, conviene affidarsi ai rimedi proposti da MAPEI; nello specifico Mapestop, che grazie alla microemulsione siliconica concentrata, a base di silani e silossani, realizza una barriera chimica orizzontale. Il prodotto può essere utilizzato nelle murature già esistenti, in quelle di carattere storico-artistico, di recente costruzione, in pietra, mattoni pieni, tufo, pareti miste collocate in zone lagunari, nelle vicinanze di corsi d’acqua, in prossimità del mare.

 

Valido anche per murature a sacco, se consolidate a priori con boiacche da iniezione, cartoni bitumati o guaine bituminose inefficienti, pareti in blocchi di calcestruzzo cellulare, muri recenti in laterizio pieno e non forato.

Mapestop deve essere diluito prima dell’utilizzo, va mescolato con acqua potabile nel rapporto di 1:15 o 1:19, rimane stabile per circa 24 ore in condizioni normali di temperatura, meglio se applicato in giornata, attraverso un’impregnazione di lenta diffusione oppure a bassa pressione, con idonei diffusori o con una pompa pneumatica. La miscela, penetrando nella muratura d’intervento, crea una barriera chimica orizzontale idrofobizzante, che ostacola la risalita dell’umidità.

La miscela e l’applicazione Mapestop devono avvenire in ambienti ben ossigenati, giacché il prodotto è infiammabile, quindi va tenuto lontano da fiamme e scintille, occorre inoltre evitare l’accumulo di cariche elettrostatiche.

Il prodotto presenta un aspetto liquido, un colore giallognolo bruno, ha una massa volumica di 0.98 grammi per centimetro cubico, si applica con temperature che si aggirano tra 0°C e 30°C.

Una volta diluito, il prodotto va miscelato e agitato con un trapano elettrico dotato di agitatore, aiuta ad avere un risultato più omogeneo. Mi raccomado, ricordati di usare sempre occhiali e guanti di protezione.

Per una facile applicazione, è necessario servirsi del Mapestop Kit Diffusion, composto dal diffusore, staffa di sostegno, tubo flessibile lungo 1 m e con 7 mm di diametro, iniettore, tubo forato lungo 50 cm e con 12 mm di diametro, tappino.

La fase d’intervento comincia con il segnare sulla parete la linea orizzontale, distante 15 o 20 cm dal piano di calpestio, per realizzare i fori a 20 o 25 cm l’uno dall’altro, con un diametro di 12 mm.

Se la muratura ha uno spessore inferiore a 50 cm, l’intervento si eseguirà solo da un lato, per cui è necessario creare doppie fila di fori, sfalsati tra di loro. La seconda fila di fori deve distare dalla prima di 10 o 15 cm.

Fatti i fori, si fissa il tappino a un’estremità e s’inserisce l’iniettore nell’altra libera.

Sopra l’iniettore, va sistemato un chiodo, a circa 110 cm di distanza, per appendere una staffa di sostegno del diffusore.

Un estremo del tubo flessibile lungo 1 m si collega al diffusore, l’altro nell’iniettore, ciò per far scorrere all’interno la miscela in precedenza preparata. Quando il lavoro è stato terminato, i fori si possono chiudere con una delle malte delle linee Mape-Antique o PoroMap le attrezzature utilizzate vanno lavate con acqua, per essere impiegate in applicazioni successive.

Mapestop non va utilizzato per rimediare contro le infiltrazioni dovute alla pioggia battente, per questo tipo di problematica è meglio servirsi di prodotti specifici come Antipluviol W oppure Antipluviol S.

Mapestop non è adatto per murature a secco o di tipologia incoerente, in questi casi occorre procedere riempiendo tutte le cavità interne, attraverso iniezioni di boiacca superfluida, a base di calce ed eco-pozzolana, della linea Mape-Antique, prive di cemento; in alternativa MapeWall Inietta & Consolida a base di calce-cemento o Stabilcem, Stabilcem ARS a base cementizia.

Per l’intonaco, consigliamo una miscela deumidificante, è necessario attendere 3 o 4 settimane dalla posa in opera della miscela, per far sì che l’umidità presente nella parte superiore la zona d’intervento evapori del tutto.

Il tocco finale spetta a Mape-Antique e PoroMap, migliorano il risultato di Mapestop, perfetti per eliminare gli eventuali residui d’umidità ancora presenti.

Mapei, inoltre, offre la possibilità di scegliere in alternativa a Mapestop, la versione di Mapestop Cream  ideale per la realizzazione di barriere chimiche contro l'umidità di risalita capillare, con la particolarità di poter essere utilizzato senza diluizione.

Mapestop Cream si presenta in salsicce da 660ml, che si utilizzano direttamente, solo grazie all'utilizzo di un apposita pistola alla quale, una volta inserito il prodotto all'interno, si applica un beccuccio a ghiera, che per estrusione fa confluire il prodotto nei fori della parete sulla quale si sta intervenendo.

Infine, per le rifiniture dei lavori sono consiliate le stesse tipologie di intonaci deumidificanti e le stesse modalità di applicazione.