Cerca
Cerca
0 item(s)
Carrello

Non hai articoli nel carrello.

Attrezzatura per cartongessisti

Attrezzatura per cartongessisti

Scopri i nostri prodotti per Attrezzatura per cartongessisti

Su Ediliamo, store leader per la vendita online di Attrezzatura per cartongessisti, puoi trovare in offerta Attrezzatura per cartongessisti e delle migliori marche a prezzi vantaggiosi. Scegli tra la nostra vasta gamma di prodotti disponibile e scoprine i vantaggi.
Scopri di più

Product was successfully added to your shopping cart.
Imposta ordine discendente

Oggetti 1 a 48 di 162 totali

  1. 1
Imposta ordine discendente

Oggetti 1 a 48 di 162 totali

  1. 1

 

Materiale per cartongesso

Al miglior prezzo sul Web

Nell’edilizia moderna al giorno d’oggi il cartongesso ha conquistato un posto di rilievo. Costituito da lastre di gesso trattato con resine e racchiuso tra due fogli di cartone è impiegato sia per la realizzazione di pareti divisorie, controsoffittature che per arredare casa attraverso la realizzazione di librerie, mensole, cabine armadio, archi, capitelli, ecc.

Materiali e strumenti fondamentali per un cartongessista

Costruzione di una parete in cartongesso

Per realizzare e installare una parete in cartongesso, il cartongessista crea la struttura portante in metallo fatta di guide e montanti verticali in profilati di lamiera zincata; fissando in un successivo momento sulla struttura i pannelli in cartongesso.

Il cartongessista traccia sul telaio le linee guida con una matita, fissa a terra e al soffitto le guide con tasselli ad espansione che è necessario mettere perfettamente a piombo uno sull’altro, a distanza di circa 60 cm. Vengono incastrati i montanti nelle guide ad una distanza di 60 cm uno dall’altro. Successivamente tramite l'ausilio della livella a bolla verifica che il tutto sia in linea. Verificato che il tutto è perfettamente in linea, al telaio verrà fissata la prima lastra in cartongesso con viti aurofilettanti e trapano.

E' in questo momento che, eventuali isolanti acustici o termici verranno fissati. Si procede con il fissaggio della prima lastra di cartongesso dalla parte opposta della parete divisoria, applicando il materiale isolante in mezzo. Alla base della parete, il cartongessista realizzerà una giuntura a tenuta stagna sulla quale sarà applicata una striscia di nastro autoadesivo insieme ad un piccola quantità di stucco plastico da muro che verrà steso con una spatola.

Finalmente è giunto il momento di utilizzare il frattazzo, con il quale si correggono le imperfezioni stendendo lo stucco. Infine, viene passata una spugna umida sulla superficie e fatto asciugare il tutto. 

L'attrezzatura del cartongessista presenti sul catalogo online Ediliamo.com

Sicuramente tra i materiali indispensabili, sono necessari: le lastre in cartongesso; il nastro autoadesivo (garza per stuccare); i profilati in lamierino zincato (guide e montanti); lo stucco per giunti; i tasselli ad espansione; le viti autofilettanti, le livelle.

Tra gli strumenti indispensabili sicuramente troviamo: il cutter, la matita, il metro, la livella a bolle, spatole, frattazzo, il trapano o tassellatore, avvitatore, nastro adesivo, forbice taglia profili, seghetto per cartongesso alzalastre, pennello e la spugna.

Il cutter viene utilizzato per tagliare il cartongesso; è necessario che la lama sia di circa 2 centimetri. La matita è adoperata essenzialmente per tracciare sul telaio le linee guida mentre il metro per prendere le corrette misure. La livella a bolla è indispensabile per verificare la perfetta verticalità dei montanti. Grazie alla presenza di una piccola bolla d’aria è possibile controllare l’esatta verticalità di una determinata parete. Il seghetto da cartongessista, serve maggiormente per creare tagli o buchi.

Il trapano è indispensabile soprattutto per tassellare i profili, mentre l’avvitatore è utile per avvitare le viti autofilettanti che fissano le lastre in cartongesso al telaio. La spatola serve per stendere una piccola quantità di stucco plastico sul nastro adesivo che viene posto sulle giunture e a stuccare le viti, mentre il frattazzo per livellare la quantità di stucco utilizzata. Infine, la spugna umida infine, viene applicata dopo aver passato lo stucco.